di Sandro Renzi

foto e video Simone Corazza

Altri 200mila euro serviranno per completare il ponte ciclopedonale sulla foce del fiume Ete. Cantiere che si trascina ormai da un paio di anni e che avrebbe dovuto vedere la fine la scorsa estate. Poi gli imprevisti, primo fra tutti l’aumento di alcune materie prime, tra cui l’acciaio con il quale è realizzata la campata unica che dovrà collegare Marina Palmense a Porto San Giorgio. Difficoltà che hanno costretto l’impresa a rivedere i propri piani. “Diciamo subito che i soldi ci sono ed anche la progettualità – conferma il primo cittadino di Porto San Giorgio, Nicola Loira, ai microfoni di Radio Fm1, ospite del programma Zoom e della redazione di Cronache Fermane- abbiamo sicuramente accolto con favore il buon ribasso che fu fatto dall’impresa a cui sono stati affidati i lavori, ma adesso dobbiamo fare i conti con un inciampo che ha indotto la stazione appaltante a risolvere il contratto”. Bisognerà attendere che si completi la procedura prima di predisporre un nuovo bando e successivamente individuare la ditta che dovrà acquistare l’acciaio e terminare il ponte. Inevitabilmente i lavori, dopo lo stop, finiranno per protrarsi ben oltre la scadenza inizialmente prevista.